Pittura a grisaglia - Vetrate Artistiche per chiese ed arredamento

Vai ai contenuti

Pittura a grisaglia

Tecniche

Pittura a grisaglia


La Grisaglia (grisaille) e' una pittura di colorazione bruna o terrosa, ottenuta con ossido di ferro macinatoed unito ad un fondente vetroso.
Utilizzata  per riprodurre contorni e particolari  nella decorazione delle vetrate e, successivamente per riprodurre. unita alla tecnice degli smalti da gran fuoco,  vere e proprie vetrate pittoriche

La pittura a grisaglia e', probabilmente, la tecnica "regina" tra le differenti metodologie di decorazione del vetro piano.
Dipingere con la luce, e' questo il concetto fondamentale della pittura su vetro.
La grisaglia crea aree  e livelli di ombra, limita la luce, la circoscrive fino a creare zone di scuro assoluto(filettature)
alternate a zone di sottrazione di colore (spolvero).
Per semplificare, la grisaglia, che si presenta come un pigmento terroso, viene veicolata con sostanza grassa (medium)
permettendo la filettatura di contorni e  zone di massimo scuro. Stemperata con acqua distillata e stesa a velatura, permette, spolverando, di dare corpo e volume al nostro decoro.
Per fissare su vetro la decorazione pittorica e' necessario cuocere i vetri dipinti ad una temperatura di circa 650 gradi. Questo permette al fondente  presente nella mistura della grisaglia, di vetrificare proprio mentre la superficie del vetro e' in fase di rammollimento. La grisaglia penetra il vetro risultando indelebile.
Per rendere piu' plastica la nostra pittura ci sara bisogno di ripetere l'operazione di velatura, spolvero e cottura, tre, quattro/volte ed anche piu'.
Fin qui abbiamo trattato la pittura a grisaglia ma a questa dobbiamo unite la pittura a smalto gran fuoco e l'utilizzo delle patine
per le quali vi invito a visitare la pagina a loro dedicata



Vetrarte di Paolo Corpetti
Via Amendola 86b 00013 - Mentana (Roma)
Tel +39 068175381 -
P.I. 08470030589 - C.F. CRPPLA65A04H501Q
foto vetrata artistica tonda
Torna ai contenuti